+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@istruzione.it

+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@pec.istruzione.it

La giornata della memoria al Balbo: la storia di Armando Morello e di Don Cossavella.

«Ci vuole coraggio a prendere posizione, mettersi in gioco per aiutare chi è in pericolo, anche in un contesto di democrazia, a maggior ragione sotto una dittatura». Queste le parole del prof. Fabrizio Meni per presentare una storia di coraggio avvenuta tra Casale Monferrato e il Canavese ai tempi del Fascismo: la storia che ha per protagonisti Armando Morello e don Stefano Cossavella.

A raccontarla, nell’aula magna dell’IIS Balbo sabato 27 gennaio, è stato il giornalista alessandrino Davide Morello, nipote di Armando, che, insieme al prof. Meni, ha effettuato ricerche per riportare alla luce questo ricordo di famiglia e farne testimonianza per i posteri.

Chirurgo stimatissimo, a causa delle leggi razziali previste dal Regime, nel 1943 Armando fu sospeso dal servizio in ospedale, ma continuò a lavorare clandestinamente come medico di famiglia, anzi come “medico delle famiglie”. Era talmente benvoluto che il maresciallo, che avrebbe dovuto arrestarlo, fece una telefonata preventiva alla moglie, incitandola a scappare. Così Armando, insieme alla moglie Maria e ai tre figli Vittorio (padre di Davide) di 10 anni, Luciano di 7 e Maria Grazia di 3, fuggirono nel Canavese, dove trovarono asilo per qualche mese nella cascina di un loro parente. Col sopraggiungere dell’inverno, però, dovettero trasferirsi perché lì non c’era posto per due famiglie. Vennero allora ospitati in una stanza della canonica per circa un anno e mezzo. Don Stefano Cossavella li preservò da una serie di rastrellamenti tenendoli nascosti; in cambio, Armando offrì cure mediche alle famiglie del paese. Inoltre, di notte, durante le ore di oscuramento, si inoltrava clandestinamente nei valloni circostanti per prestare soccorsi ai partigiani.

Questa storia di coraggio e di solidarietà è testimoniata da una lettera, scritta dallo stesso Armando e pubblicata su La Stampa, nella rubrica Lo specchio dei Tempi, nel 1965, in occasione della morte di don Cossavella.

Questa lettera, semplice e schietta, insieme ad una registrazione audio rilasciata dallo stesso Armando, contribuisce ad annoverare don Cossavella tra i Giusti: persone che, grazie ad appositi processi, hanno ottenuto questo titolo per aver salvato Ebrei o altre vittime delle persecuzioni volute dal Regime.

Armando è l’Armandino menzionato da Fabrizio Meni nel suo libro “Un, due, tre, stella”: bambino che sognava di diventare fascista per riscattare il padre, la cui bottega di calzolaio fu più volte presa di mira e vandalizzata durante gli scioperi.

Il brano del romanzo di Meni, secondo cui Armandino si sarebbe ricreduto sul Fascismo in seguito alla manifestazione del 6 marzo 1921, la lettera di Armando su La Stampa ed altri testi d’autore sul tema della Memoria sono stati letti, per le classi presenti in Aula Magna e per quelle collegate a distanza, dai ragazzi del Collettivo Teatrale guidato dalla regia di Maria Paola Casorelli.

Visite (94)

Altri post
homepage
Roberto Scanzo

De Andrè come antidoto alla guerra

Silvana Mossano e Sergio Salvi venerdì 13 aprile 2018 (AM “Casalegno”, piazza Castello) parleranno di canzoni e parole ispirate a “La Buona Novella” di Fabrizio

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Verso il certamen per Reale

Un laboratorio grafico e uno spettacolo per il certamen intitolato a Giovanni Reale Sei ragazzi dell’istituto, sotto la guida di Max Ramezzana, hanno interpretato temi

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Guidorizzi al “Balbo”

9 marzo 2018, ore  11:00-13-:00 [st_gallery gallery=”20058,20059,20060,20061,20062,20063″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Prima conferenza del Quarto Certamen Giovanni Reale quest’anno dedicato a “La guerra e Classici” ieri

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

L’ “Aula amianto” a Bonn

L’Amministrazione Comunale, l’Associazione AFEVA e La Rete Scuole insieme sono stai invitati a partecipare, con 3 persone, alla sessione pomeridiana del 21 febbraio dell’incontro plenario

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Intitolazione a Reale

L’Istituto Superiore Balbo esprime vivo compiacimento per la decisione della Giunta di Casale  Monferrato di dedicare il Salone del Senato della Biblioteca Civica Canna a

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Web reputation al SIIA

Nella serata di lunedì 18 dicembre, presso la classe quinta del SIIA, si è tenuto il primo interessante incontro, curato dalla start up di Casale

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Mostra “Russia 1917”

[st_gallery gallery=”18988,18989,18990,18991,18992,18993,18994,18995,18996,18997″ size=”thumbnail” columns=”4″ lightbox=”yes”] [st_gallery gallery=”” size=”thumbnail” columns=”3″ lightbox=”yes”] Russia 1917: non un salto nel passato ma una vicenda ancora attuale Inaugurata al ‘Balbo’

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Una riflessione sull’inizio

di Alessandro D’Avenia “La scuola da troppo tempo è diventata un ambiente…in cui la burocrazia si è progressivamente impadronita degli spazi e del tempo da

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Premiazione Concorso storia comtemporanea

Viviana Acampora, Elena Ferrero, Davide Fontana, Alice Girino e Letizia Vivino della II B CLASSICO, con la prof.ssa Piercarla Borio, premiati come vincitori (primi assoluti)

Leggi

Condividi

Translate »