+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@istruzione.it

+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@pec.istruzione.it

Mostra “Russia 1917”

[st_gallery gallery=”18988,18989,18990,18991,18992,18993,18994,18995,18996,18997″ size=”thumbnail” columns=”4″ lightbox=”yes”]

[st_gallery gallery=”” size=”thumbnail” columns=”3″ lightbox=”yes”]

Russia 1917: non un salto nel passato ma una vicenda ancora attuale
Inaugurata al ‘Balbo’ la mostra ‘Il sogno infranto di un mondo mai visto’, dedicata al centenario della rivoluzione sovietica

Davanti a un pubblico interessato e partecipe, la sera di mercoledì 13 la giornalista Marta Dell’Asta, nella conferenza organizzata da Cantiere Speranza e dal Centro culturale Alberto Gai, ha aperto in sala Carlo Cavalla la riflessione sui fatti che avvennero in Russia cento anni or sono. Il mattino successivo, inaugurando la mostra Russia 1917. Il sogno infranto di “un mondo mai visto”, alla presenza dell’assessore all’Istruzione Ornella Caprioglio, la giornalista e curatrice della mostra è tornata sull’argomento per approfondirlo stavolta davanti a un pubblico di studenti, all’interno dell’aula magna dell’Istituto Balbo dove la mostra è stata allestita ed è visitabile fino a mercoledì 20.

La lettura dei fatti storici presentata da Marta Dell’Asta si discosta dalle tradizionali ricostruzioni che celebrano o demonizzano la rivoluzione e si basa sul giudizio che ne diedero alcuni pensatori russi dell’epoca, ex marxisti tornati al cristianesimo, fra i quali Berdjaev, Bulgakov, Frank e Struve. Essi individuano nella crisi dell’io, più che in fattori economici e politici, l’elemento fondamentale per l’avvio della rivoluzione.

Il popolo russo, infatti, aveva perso negli anni precedenti il 1917 i propri riferimenti etici e spirituali (la politica dello zar e la chiesa ortodossa erano percepite dal popolo sempre più lontane e la partecipazione alle parate civili come alle funzioni religiose esprimeva ormai un’appartenenza solo di facciata),mentre dal punto di vista economico era sì provato da povertà e carestie, ma non più del resto d’Europa. L’ideologia della rivoluzione si propose quindi a un popolo che, avendo svuotato di significato i propri riferimenti tradizionali, poteva essere sedotto dal “sogno” di mondo nuovo.

Viene fortemente chiamata in causa da questi autori la responsabilità personale: «Il bolscevismo ha preso corpo in Russia, e vi ha vinto, perché io sono quello che sono, perché non vi era in me una reale forza spirituale», affermò Nikolaj Berdjaev. Si individua la possibilità di una risposta all’ideologia nella riscoperta del valore del singolo uomo: «Il punto di resistenza era quindi la persona,» afferma Marta Dell’Asta «anche se può sembrare una teoria minimalista rispetto alle grandi spiegazioni economiche e geopolitiche sulla rivoluzione.

L’uomo “nuovo” propagandato dalla rivoluzione è privo di legami, non doveva più esistere un rapporto diretto da persona a persona, ma solo quello tra classe e classe. Ed è proprio su questo rapporto fra persone che occorreva ricostruire».

E per ricostruire bisognava lasciare da parte ogni forma di violenza. I quattro pensatori presi come riferimento nella mostra mal giudicarono la nascita di un “esercito bianco” che si oppose alle “guardie rosse”.

Scrisse ancora Berdjaev: «È impossibile salvare la Russia con sentimenti negativi. Il partito della rabbia e dell’odio è uno e indivisibile, riunisce i comunisti e i monarchici estremisti. Nessuna strada può essere aperta da elementi negativi, la vita esige al suo principio elementi positivi. Il nostro amore deve avere la meglio sul nostro odio. Dobbiamo amare la Russia e il suo popolo più di quanto odiamo la rivoluzione e i bolscevichi».

Sono solo alcuni degli spunti di riflessione offerti al pubblico e in particolare ai giovani dei licei. Ripartire dalla persona, dalla responsabilità di ognuno: un suggerimento che sembrano aver già colto alcuni studenti del Balbo che hanno dato la loro disponibilità per guidare i visitatori lungo il percorso della mostra, ragazzi che hanno approfondito le loro conoscenze storiche e si mettono a disposizione. Sono un esempio di impegno personale che dà un valore aggiunto a questa mostra, itinerante in tutta Italia e fortemente voluta a Casale dall’istituto ‘Balbo’ e dal Centro culturale Alberto Gai, che hanno organizzato l’evento.

La mostra (all’interno dell’aula magna del ‘Balbo’, fino al 20 dicembre) è visitabile con questi orari: Giorni feriali dalle 8 alle 18.30; sabato 8 – 13 e 14 – 17; domenica 10 – 12 e 14 – 18. Prenotazione per visite guidate al numero 0142 – 452303.

 

Il 25 Ottobre 1917 si compiva un rivolgimento poi chiamato “Rivoluzione d’ottobre”, un punto di non ritorno per la Russia e per la civiltà umana.

A un secolo di distanza, la riflessione su di essa è ancora difficile, in Russia come in Europa, ma può rappresentare una preziosa occasione per riconsiderare, con adeguata criticità storica, l’origine, il senso, la ricaduta sulla storia di ieri e di oggi di questo avvenimento epocale.

La Rivoluzione Russa, infatti, ha cambiato la prassi politica, i valori, l’etica sociale e la mentalità non solo russa ma mondiale.

Ritenendo di poter contribuire costruttivamente al dibattito, allo studio ed all’approfondimento di questo “utopico” progetto di liberazione universale, che fu alla base della rivoluzione russa, l’IIS “BALBO” promuove due appuntamenti:

  • una mattinata (giovedì 14 dicembre, ore 9:00, Aula Magna “Casalegno”, piazza Castello), specificamente rivolta agli studenti delle classi del triennio, allo scopo di offrire a tutti l’opportunità di paragonarsi con una nuova ipotesi interpretativa, seriamente condotta e criticamente documentata da saggi di Berdjaev, Bulgakov e Frank, con la presenza della dott. Marta Dell’Asta (curatrice della mostra, direttrice del portale lanuovaeuropa.org della Fondazione Russia Cristiana), del prof. Maurizio Scagliotti (docente di storia presso l’IIS BALBO) ed Elisa Patrucco (presidente del Centro culturale “Alberto Gai”)
  • una mostra: “Russia 1917 – Il sogno infranto di un mondo mai visto”, che verrà esposta a nell’Aula Magna “Casalegno” del plesso “Balbo-Palli” dal 14 al 20 dicembre.

 

Orari mostra (con visite guidate)

Giorni feriali: 8:00-18:30

Sabato: 8:00-13:00 – 14:00-17:00

Domenica: 10:00-12:00/14:00-18:00

Visite (225)

Altri post
homepage
Roberto Scanzo

Nuovo sito del “Balbo”

Abbiamo rinnovato il design grafico del sito e le sue funzionalità Era proprio arrivato il momento (dopo tanti anni…): oltre alla nuova veste grafica, sono

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Privacy, social e lavoro

Giovedì 7 Novembre, dalle ore 19.00 alle ore 20.00,  si è tenuta una “lezione conferenza”  rivolta  a tutte le classi del corso serale del Liceo

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Gioanola e Verga

Il prof. Elio Gioanola incontra venerdì 27 settembre (ore 9:00, AM “Casalegno” piazza Castello) le classi del quinto anno di corso per parlare di Verga,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Libriinlinea

La Biblioteca dell’IIS BALBO aderisce alla rete TO0 delle biblioteche del Piemonte. “Libriinlinea” consente di consultare in maniera integrata le risorse disponibili nelle biblioteche di

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

AulAmianto a Roma

L’aula amianto incontra il Ministro dell’Ambiente S. Costa e il Vice Ministro dell’Istruzione L. Fioramonti [st_gallery gallery=”26342,26343,26344,26345,26346,26347″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Venerdì 10 Maggio 2019 in

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Premiazione V Certamen

Lectio magistralis della dott.ssa Cristina Cattaneo e premiazione dei vincitori del V Certamen di traduzione in memoria di Giovanni Reale Pietas e filia per davvero

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

V certamen “G. Reale” ’19

[st_gallery gallery=”26149,26150″ size=”medium” columns=”2″ lightbox=”yes”] [st_gallery gallery=”26170,26171,26172,26173,26174″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Per ricordare il suo grande ex allievo, il filosofo Giovanni Reale, scomparso nel novembre 2014,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

“Quando c’erano i matti”

Mercoledi 17 aprile 2019 alle ore 11 presso l’aula Magna Casalegno, dell’Istituto Balbo di Casale Monferrato, nell’ambito del ciclo di incontri organizzati per il Certamen

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Ancora tu !

“…gli altri premiati del Certamen sono: Tommaso Brusasca del classico Balbo di Casale Monferrato per la sezione «Greco» (ed inoltre vincitore assoluto del Certamen) e

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Classico surrealista

Mercoledì 30 gennaio le classi III del Liceo Classico, accompagnate dalle professoresse Fantino, Canepa e Paciello, hanno visitato la mostra Dal Nulla al Sogno nella

Leggi

Condividi

Translate »