+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@istruzione.it

+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@pec.istruzione.it

Il Canada di Enrico

“I 10 mesi in Canada? Il periodo più felice della mia vita”

Lo studente casalese Enrico Buzzi la sua esperienza: “I primi mesi piangi tutti i giorni, poi…”

CASALE MONFERRATO – Enrico Buzzi, all’epoca 17enne, è partito per fare 10 mesi in Canada, affrontando la lontananza e le difficoltà. Frequenta il liceo scientifico ‘Palli’ di Casale Monferrato.

Enrico, com’è andata?
“Sono partito il 29 agosto 2022 e rientrato il 24 giugno scorso: la mia destinazione è stata Vancouver, un vivace porto della British Columbia in Canada. Mi ha affiancato l’associazione You Abroad”.

Quanto è stata dura all’inizio?
“Molto. I primi mesi piangi tutti i giorni, poi ti tocca decidere se essere felice. ‘It is up to you’, come spesso dicono loro. ‘Sta a te’. Io ho scelto di essere felice. Consiglio sempre a quelli che vogliono fare questa esperienza di andare là 10 mesi e non 3 o 5, perché per quel tempo si tira a campare, a sopravvivere, però il vero scopo di un’esperienza simile, per godersela, è vivere là. Io penso di aver vissuto molto, se mi guardo indietro”.

Qual è stato il vero punto di svolta?
“Tanto per cominciare, in Canada non ci sono i pregiudizi che ci sono in Italia. Vancouver è una città estremamente multi-etnica, con una comunità Lgbtq+ molto forte e sviluppata. Non vi è alcun fascino per lo straniero, dal momento che là lo sono quasi tutti. Ragion per cui a nessuno importa che tu sia italiano. Sei tu che devi ‘sbatterti’ e andare dagli altri ragazzi a fare amicizia – dice un po’ ridendo – Probabilmente quando sono uscito dalla mia ‘comfort zone’, iscrivendomi ai corsi più stravaganti come cucina, ho ‘fatto un passo’. È importantissimo partecipare a più indirizzi possibili per conoscere ragazzi nuovi e ambientarsi”.

Le famiglie

E la famiglia ospitante?
“Anzitutto ne ho avute due: la prima l’ho cambiata entro 10 giorni. Mi sono trovato veramente male, preferisco non ricordarla. Anche con la seconda non sono state tutte rose e fiori. Ti abituano ad essere estremamente indipendente, soprattutto perché non ti prestano molta attenzione… Però ho imparato a fare la lavatrice… Questo ti fa apprezzare la mamma a casa, un fatto che tante volte diamo per scontato”.

A scuola com’è andata?
“Subito in grossa difficoltà: non capivo nulla di inglese e facevo fatica ad integrarmi. Stavo molto con i ragazzi italiani, poi quando i miei amici dopo circa 5 mesi se ne sono andati la mia seconda vita ha avuto inizio. Ho fatto amicizia anche con giovani canadesi, il basket mi ha aiutato molto.”

Cosa è rientrato a casa con te?
“Ho costruito rapporti che mi auguro di portare avanti per tutta la mia esistenza. Sono persone incredibili che avranno per sempre un pezzo di me e io le porterò dietro per il resto della vita”.

Il rientro

Com’è stato il ritorno a scuola? 
“E’ andato bene, anche se ora sento che ormai la mia vita è là. Gradualmente mi riabituerò alla routine che c’è qui, però se potessi tornerei a Vancouver subito! Ci sono i miei amici, il basket, le abitudini che ormai hanno preso parte della mia vita. Per quanto riguarda il ritorno a scuola non sono troppo preoccupato, sono ancora fresco da tante inebrianti novità”.

Vorresti tornare se ne avessi la possibilità?
“Si! Ormai sento che è quella la mia vita. Preferisco decisamente quell’ambiente rispetto all’Italia, che trovo ancora molto retrograda e piena di pregiudizi che non fanno altro che minare la società. A Vancouver invece ognuno è libero di essere ciò che desidera senza essere giudicato. Ha una perfetta integrazione delle comunità etniche presenti e anche il tasso di criminalità è bassissimo. E poi a livello naturalistico il Canada in generale merita di essere visto”.

Questa avventura a cosa è servita?
“E’ un’esperienza che ti porta a diventare uomo. E’ un fatto incredibile che ti succede nella vita. E’ stato in assoluto il periodo più felice della mia”.

articolo pubblicato su

https://www.ilpiccolo.net/2023/07/07/10-mesi-canada-periodo-piu-felice-della-mia-vita/

e scritto da Aurora Taverna (alunna della II B Classico, in “alternanza scuola-lavoro alla redazione de Il Piccolo)

Visite (475)

Altri post
homepage
Roberto Scanzo

Nuovo sito del “Balbo”

Abbiamo rinnovato il design grafico del sito e le sue funzionalità Era proprio arrivato il momento (dopo tanti anni…): oltre alla nuova veste grafica, sono

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Privacy, social e lavoro

Giovedì 7 Novembre, dalle ore 19.00 alle ore 20.00,  si è tenuta una “lezione conferenza”  rivolta  a tutte le classi del corso serale del Liceo

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Gioanola e Verga

Il prof. Elio Gioanola incontra venerdì 27 settembre (ore 9:00, AM “Casalegno” piazza Castello) le classi del quinto anno di corso per parlare di Verga,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Libriinlinea

La Biblioteca dell’IIS BALBO aderisce alla rete TO0 delle biblioteche del Piemonte. “Libriinlinea” consente di consultare in maniera integrata le risorse disponibili nelle biblioteche di

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

AulAmianto a Roma

L’aula amianto incontra il Ministro dell’Ambiente S. Costa e il Vice Ministro dell’Istruzione L. Fioramonti [st_gallery gallery=”26342,26343,26344,26345,26346,26347″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Venerdì 10 Maggio 2019 in

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Premiazione V Certamen

Lectio magistralis della dott.ssa Cristina Cattaneo e premiazione dei vincitori del V Certamen di traduzione in memoria di Giovanni Reale Pietas e filia per davvero

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

V certamen “G. Reale” ’19

[st_gallery gallery=”26149,26150″ size=”medium” columns=”2″ lightbox=”yes”] [st_gallery gallery=”26170,26171,26172,26173,26174″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Per ricordare il suo grande ex allievo, il filosofo Giovanni Reale, scomparso nel novembre 2014,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

“Quando c’erano i matti”

Mercoledi 17 aprile 2019 alle ore 11 presso l’aula Magna Casalegno, dell’Istituto Balbo di Casale Monferrato, nell’ambito del ciclo di incontri organizzati per il Certamen

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Ancora tu !

“…gli altri premiati del Certamen sono: Tommaso Brusasca del classico Balbo di Casale Monferrato per la sezione «Greco» (ed inoltre vincitore assoluto del Certamen) e

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Classico surrealista

Mercoledì 30 gennaio le classi III del Liceo Classico, accompagnate dalle professoresse Fantino, Canepa e Paciello, hanno visitato la mostra Dal Nulla al Sogno nella

Leggi

Condividi

Translate »