+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@pec.istruzione.it

+39 0142 41.77.07

alis009005@istruzione.it

alis009005@pec.istruzione.it

Saggio di traduzione

Un giorno, sfogliando il mio eserciziario di greco, trovai alcuni versi dell’Iliade di Omero, e non riuscii a resistere alla tentazione di cimentarmi in una traduzione del genere! In non troppo tempo mi ritrovai con la mia traduzione in mano, eppure non ero soddisfatto. Essendo questi versi adattati al mio livello, a volte diventavano ripetitivi ed un po’ noiosi. Dunque mi chiesi perchè non provare a metterli per iscritto in forma diversa, sempre in versi, ma cercando di rendere la lettura più piacevole. Trovo l’attività di traduzione molto interessante e stimolante, anche se sono appena all’inizio di questo percorsoe sono molto contento del risultato ottenuto.

Luca Miceli, IVA Ginnasio

 

La dea Iris, al di Elena fianco posta, si pronunciò:

<<Oh amica mia, accorri,

osserva le degli Achei e Teucri mosse.

Obliata la guerra, siedono in un assordante silenzio

scrutando i duellanti. Menelao,

chiamano il primo, e Paride, il giovanotto>>.

Incuriosita, la prima di Sparta ed ora di Troia

giunse alle così dette Scee, seguita dalle ancelle.

Ad attenderla vi erano gli anziani,

compagni di Priamo, antichi guerrieri,

nuovi oratori. Alla vista della ninfa

sfuggì l’inevitabile verbo:<<Elena, amena

fosti e sempre sarai, come lampante lo è il conflitto.

Ma l’istanza ti preghiamo di accogliere:

Torna da Menelao, ed il petto nostro

tornerà ad espandersi>>.

<<Silenzio ora!>> Tuonò Priamo,

come solo Giove può fare.

<<Non tu ma gli dèi son causa di tutto ciò.

Perciò siedi e guarda oltre le mura>>.

Elena obbedì.

 

                                                                                                                                                              

Il Divino, alla galea afferrato dal Biondo,

sentì il morbido collo mancare d’aria,

quella cinta traditrice, infin che l’Anadiomene,

amante e amata, la infranse. Irato l’Atride,

questo gettò il trofeo in pasto ai fedeli, e,

‘sì come un giavellotto,

si lanciò sul rivale. Afrodite, occulta, nella foschia

avvolse il protetto, sciogliendolo dal funesto.

Quando scosso e vile fu al talamo, la dea lo lasciò,

cercando Elena. La ninfa attendeva alla torre

e quando la dea vi fu giunta questa disse:

<<Colui, per la quale la patria abbandonasti,

ti attende. Va’ da lui e stringilo forte>>.

Dirsi non si può ch’ella fosse lieta, ma, alla diva,

in silenzio, obbedì. Ove le fu suggerito trovò l’amato,

ma nessun ci fu di dolce abbraccio, sol aspri verbi:

<<A Menelao stanno vittoria e gloria,

fuggi la guerra, poich’essa è luogo di impavidi,

e tu d’essi non fosti>>.

Il Bello, prostrato, replicò:<<Oh musa,

abbi di me compassione: come ora lo son dell’Atride,

un giorno a me saranno gloria, vittoria, vittoria e gloria>>.

E i due divennero uno.

 

 

 

Visite (67)

Altri post
homepage
Roberto Scanzo

Quando iniziano le lezioni ?

La Regione Piemonte ha stabilito per le scuole secondarie di secondo grado lunedì 13 settembre 2021 come giorno di inizio dell’a.s. 2021-2022. Le scuole secondarie

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Nuovo sito del “Balbo”

Abbiamo rinnovato il design grafico del sito e le sue funzionalità Era proprio arrivato il momento (dopo tanti anni…): oltre alla nuova veste grafica, sono

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Privacy, social e lavoro

Giovedì 7 Novembre, dalle ore 19.00 alle ore 20.00,  si è tenuta una “lezione conferenza”  rivolta  a tutte le classi del corso serale del Liceo

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Gioanola e Verga

Il prof. Elio Gioanola incontra venerdì 27 settembre (ore 9:00, AM “Casalegno” piazza Castello) le classi del quinto anno di corso per parlare di Verga,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

AulAmianto a Roma

L’aula amianto incontra il Ministro dell’Ambiente S. Costa e il Vice Ministro dell’Istruzione L. Fioramonti [st_gallery gallery=”26342,26343,26344,26345,26346,26347″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Venerdì 10 Maggio 2019 in

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Premiazione V Certamen

Lectio magistralis della dott.ssa Cristina Cattaneo e premiazione dei vincitori del V Certamen di traduzione in memoria di Giovanni Reale Pietas e filia per davvero

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

V certamen “G. Reale” ’19

[st_gallery gallery=”26149,26150″ size=”medium” columns=”2″ lightbox=”yes”] [st_gallery gallery=”26170,26171,26172,26173,26174″ size=”thumbnail” columns=”6″ lightbox=”yes”] Per ricordare il suo grande ex allievo, il filosofo Giovanni Reale, scomparso nel novembre 2014,

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

“Quando c’erano i matti”

Mercoledi 17 aprile 2019 alle ore 11 presso l’aula Magna Casalegno, dell’Istituto Balbo di Casale Monferrato, nell’ambito del ciclo di incontri organizzati per il Certamen

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Ancora tu !

“…gli altri premiati del Certamen sono: Tommaso Brusasca del classico Balbo di Casale Monferrato per la sezione «Greco» (ed inoltre vincitore assoluto del Certamen) e

Leggi
homepage
Roberto Scanzo

Classico surrealista

Mercoledì 30 gennaio le classi III del Liceo Classico, accompagnate dalle professoresse Fantino, Canepa e Paciello, hanno visitato la mostra Dal Nulla al Sogno nella

Leggi

Condividi

Translate »