Auguri, “pensionati” !

Se è vero che il lavoro dell’insegnante per chi lo fa con passione e vocazione rappresenta un unicum dal punto di vista del “non sentirsi costretti” perché sempre circondati da giovani che aiutano moltissimo a mantenere un contatto con la realtà e con i cambiamenti della storia, è comunque altrettanto evidente che, come ogni altro tipo di professione, arriva anche per i docenti il tempo della pensione. Per chi, però, ha ricevuto questo grande stimolo a rimanere giovane e ama la scuola, è possibile, però, una trasformazione del ruolo con la decisione di continuare con il volontariato o con altra attività l’esperienza dell’educazione.

Sappiamo che i nostri colleghi, su fronti diversi, hanno vissuto questi anni con grande intensità e attaccamento alla loro missione per cui la pensione sicuramente risulterà per loro un’esperienza di crescita e della qualità del loro essere persona.

 

Buona vita in tutto quello che creerete da ora in avanti !

prof.ssa Pina Patanè (Francese, al “Lanza”)

prof. Massimo Zeppa (Storia e Filosofia, al “Palli”)

prof. Marco Porta (Matematica e Fisica, al “Balbo”)

Visite (201)