Storyteller e razzismo

Lo storytelling è l’arte di raccontare storie, quindi lo storyteller è colui che narra. Alcuni mesi fa i ragazzi dei licei Balbo e Lanza hanno partecipato ad un corso di storytelling tenuto dal regista Francesco Ghiaccio.

Hanno potuto sperimentare le tecniche di narrazione alla base di ogni storia, partendo dalla favola passando per un racconto o un romanzo fino ad arrivare alla sceneggiatura di un film. Così, quando dal dirigente scolastico Riccardo Calvo è arrivata la proposta di aderire a un contest promosso dalla Junior Casale, tutti i ragazzi hanno accettato con entusiasmo. Il contest vuole dare occasione ai ragazzi di utilizzare in modo costruttivo la propria creatività: produrre un video di meno di un minuto, con l’intento di lanciare un grido d’allarme riguardo alla diffusione del razzismo. I video, uno per ogni istituto scolastico di Casale, sono stati pubblicati in rete all’indirizzo http://contest.asjunior.com/. Chi lo desidera può collegarsi e votare quello che ritiene migliore, in modo da contribuire a decretare il vincitore del contest.
Gli studenti del Balbo e del Lanza hanno realizzato due video, “Non c’è problema” e “Per/sò/na”, dal messaggio chiaro e profondo, coinvolgendo svariate comparse e persino un’attrice e insegnante di teatro Maria Paola Casorelli. Gli allievi si sono divisi ogni compito, sceneggiatura, riprese, scenografia, montaggio simulando un vero set cinematografico. E’ stata una grande avventura, ognuno ha potuto tirare fuori il meglio di sé, quindi se ritenete che abbiano raggiunto  il loro obiettivo, votateli!

Sara Caprioglio, allieva storyteller

Visite (35)