Plebani e la geopolitica

Giovedì 28 febbraio, presso l’aula magna del Plesso Balbo, si è tenuta la quarta lezione del Progetto Cestingeo, modulo studenti. “Dinamiche Geopolitiche”, il titolo dell’interessantissima lezione del Prof Andrea Plebani, dell’Università Cattolica di Milano, che ha esaminato il caso della Cina, da paese in via di sviluppo, a seconda economia mondiale nel ventunesimo secolo.

La Cina è un attore fondamentale nello scacchiere mondiale,molta produzione industriale è stata delocalizzata proprio in Cina e il gigante asiatico è diventato il maggiore consumatore di energia, che determina una continua ricerca di nuove fonti di approvvigionamento. L’uso del sea power è fondamentale per proteggere le fonti energetiche, che , per la maggior parte arrivano via mare.
Sicuramente gli sviluppi futuri del gigante asiatico sono interrelati con una serie di delicatissimi equilibri che possono mutare e creare turbolenze riguardo la geopolitica cinese.
Quello che risulta evidente è la programmazione a lungo termine della Cina, proprio per evitare cattive sorprese ed assicurare una crescita costante, possibilmente pacifica

Visite (35)